Educare, informare e donare per ridurre lo spreco alimentare.  Al via la campagna di sensibilizzazione delle Acli sarde

Educare, informare e donare per ridurre lo spreco alimentare. Al via la campagna di sensibilizzazione delle Acli sarde

Le Acli della Sardegna, con il sostegno del Fondo 5x mille Acli e della Fondazione di Sardegna, avviano una campagna di sensibilizzazione e un progetto contro lo spreco e la povertà alimentare, per educare i cittadini ad un’idea di sviluppo e diffondere un modello socio-economico sostenibile e duraturo. Alla base della campagna vi è l’intenzione di promuovere un cambiamento significativo dei modelli di produzione e consumo e degli stili di vita, nell’ottica della promozione dello sviluppo sostenibile dei territori e delle comunità.

Obiettivi e ambizioni a lungo termine che le Acli sarde intendono raggiungere anche attraverso la creazione a livello locale di reti con le istituzioni pubbliche, le aziende e i soggetti privati che operano nel settore della solidarietà per l’attivazione di interventi coordinati di contrasto allo spreco e di recupero, a fini caritativi, delle eccedenze.

Parlare di spreco e povertà alimentare nella società attuale non è insolito. Negli ultimi tempi, complice la crisi economica che ha colpito in modo significativo le famiglie, dosare gli acquisti anche quelli alimentari è diventata una pratica consueta per molti. Ma un consumo responsabile di cibo e, conseguentemente di risorse energetiche, non dovrebbe rimanere circoscritto ai periodi economicamente sfavorevoli. Lo spreco smisurato di cibo, derivante dalla scarsa educazione ad un consumo alimentare corretto, si riflette indirettamente su chi invece non possiede risorse economiche alcune, generando delle disparità spesso fuori controllo.

Gli stili di vita e il consumismo alimentano, quindi, questo spreco di ricorse e limitano spesso la ridistribuzione delle risorse in eccesso. Anche in Sardegna occuparsi di impoverimento e di poveri passa attraverso la promozione di differenti stili di consumo che devono coinvolgere tutti in famiglia, nelle mense, nei ristoranti. Il cibo si vende, si compra, si consuma, ma diventa in modo significativo anche scarto e si butta, nonostante spesso quanto si butta sia ancora commestibile.

L’entrata in vigore nel 2016 della Legge Gadda n.166 contro lo spreco alimentare ha incentivato il recupero e la donazione di beni alimentari, farmaceutici ed altri prodotti in favore di soggetti che operano senza scopo di lucro. La legge ha ridotto di fatto gli oneri burocratici degli operatori del settore alimentare che desiderano donare le eccedenze in corretto stato di conservazione anche oltre il termine minimo di conservazione. Dati positivi sull’attenzione agli sprechi da parte dei singoli cittadini arrivano da un’indagine della Coldiretti/Ixè, secondo la quale quasi 3 italiani su 4 (71%) hanno diminuito o annullato gli sprechi alimentari.

Guarda la clip  https://www.facebook.com/AcliSardegna/videos/10157102115693797/

spreco alimentare

 

facebooktwitter
Previous Scoprire e conoscere le zone umide Ramsar: a Cagliari arriva la "Festa della biodiversità"

Ti potrebbe piacere anche...

In evidenza

Scoprire e conoscere le zone umide Ramsar: a Cagliari arriva la “Festa della biodiversità”

Natura e multiculturalità, tradizioni artigianali e gastronomiche sarde e nordafricane con un importante elemento in comune: le zone umide Ramsar. Sono questi i protagonisti della “Festa della biodiversità” che si terrà domenica

Notizie dalla regione

La campagna Acli “Diritti in piazza” fa tappa ad Assemini

Le Acli provinciali di Cagliari scendono nuovamente in piazza per ascoltare, informare e sensibilizzare i cittadini sulle problematiche del mondo del lavoro e della previdenza, sulla fiscalità e sull’associazionismo. Il

Notizie dalla regione

#Giovani: L’Europa siamo noi

#Giovani: L’Europa siamo noi. Il 3 maggio 2016, alle ore 18.00 in via Crispi n. 12 a Cagliari, si terrà il seminario  informativo #Giovani:L’Europa siamo noi, organizzato dalle Acli Provinciali di Cagliari