Non mangiamoci la Terra! Abitiamola con cura!

Non mangiamoci la Terra! Abitiamola con cura!

In preparazione all’evento “Radicati nella Terra per un nuovo umanesimo” – 14-15 novembre 2015, le Acli Provinciali di Cagliari e Ipsia Sardegna, in collaborazione con Acli Terra, organizzano un incontro di formazione e sensibilizzazione per riflettere sul tema del moderno sistema di vita che porta l’uomo a ricercare banneraclicaaffannosamente nuove soluzioni per promuovere lo sviluppo economico e il proprio benessere. Mentre assistiamo a tragici fenomeni di portata ambientale e sociale, agiamo prevalentemente da consumatori. E’ con gli occhi da consumatore, infatti, che guardiamo il mondo, la terra e gli altri e con gli stessi occhi siamo arrivati a guardare anche il cibo. Da bene primario ed essenziale, il cibo oggi è il prodotto di una società che insegue realizzazione di sé e ricchezza legate al possesso di beni e al loro consumo.banneripsia2

 

L’incontro si terrà a Cagliari, giovedì 22 ottobre 2015 dalle ore 15 in Via Roma 173, II piano. La partecipazione è gratuita e verrà rilasciato attestato di partecipazione.

Per informazioni e iscrizioni: acliprovincialicagliari@gmail.com  / tel. 07043039

Scarica la locandina

 

 

facebooktwitter
Previous Corsi di arabo e spagnolo
Next "Sportello di Consulenza Psicologica” al circolo Acli "A. Lattuca" - Is Mirrionis

Ti potrebbe piacere anche...

Notizie dalla regione

Nuove iscrizioni ai corsi di inglese

Sono aperte le iscrizioni ai nuovi corsi di lingua inglese organizzati dalle Acli Provinciali di Cagliari. I corsi, della durata di 30 ore, avranno inizio martedì 26 gennaio 2016 e

Notizie dalla regione

Seminario di approfondimento “Giovani, lavoro e autopromozione”

Il 30 giugno 2015 alle ore 18.30, presso la sede Acli di Viale Marconi 4 a Cagliari, si terrà il seminario “Giovani, lavoro e autopromozione”.  Si tratta di un percorso

Notizie dalla regione

Un luogo di incontro e condivisione di cultura

Un luogo di incontro e condivisione di cultura. Il Parco di Molentargius può diventare un luogo di inclusione sociale e di condivisione della cultura, della storia e delle tradizioni. E’ questo