Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

Ogni anno il Crei Acli, in collaborazione con Acli Sardegna, Acli Cagliari e Iares, diffonde i dati annuali sui flussi migratori della Sardegna. Venerdì 29 gennaio 2016 alle ore 18, in Via Roma 173 II piano, a Cagliari sarà presentata la ricerca “Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna nel 2015”, condotta da Mauro Carta e Marco Sideri.

L’analisi della situazione demografica attuale della Sardegna ha fatto emergere uno scenario assai articolato riassumibile con due dinamiche che sono l’indice della vitalità di una popolazione. Migrazioni e spopolamento sono due fenomeni connessi tra loro che in Sardegna riguardano in modo diverso le province e i comuni dell’isola. Da una parte c’è la popolazione sarda che non cresce (il saldo naturale sardo per il biennio 2014-2015 è pari a -3972 unità) ma invecchia progressivamente o si allontana, e dall’altra c’è la popolazione straniera che aumenta (+ 2.920 unità nel biennio 2014- 2015) ma non riesce a dare la spinta necessaria ad una crescita significativa della popolazione sarda totale e ad una compensazione del numero di coloro che lasciano l’isola: nel biennio 2014-2015 il 73% (275) dei comuni della Sardegna ha un saldo migratorio negativo.
Lo studio sinottico condotto sui decenni precedenti (dal 1951 al 2011) ha messo in evidenza il generale e purtroppo consolidato trend negativo di crescita della popolazione sarda. Si è partiti dal decennio degli anni ’50 dove in alcune zone si è avuto un incremento dal 10% al 30%, per poi entrare negli anni ’60 e vedere che già in quel decennio la situazione demografica stava iniziando a cambiare. Nel biennio 2014-2015 sono 307 i comuni in cui si registra infatti un saldo naturale negativo.
Un fenomeno che da diverso tempo ormai sta interessando la Sardegna è quello delle migrazioni dei giovani sardi in Europa (con la Germania in testa alle destinazioni preferite, ma compaiono ora nuove mete come l’Austria e l’Irlanda) e nel resto del mondo (con l’Argentina come prima destinazione, ma compaiono ora nuove mete come il Sud Africa ed Emirati Arabi). I dati relativi agli emigrati sardi (per lo più giovani e con un alto titolo di studio) fanno emergere uno scenario differente rispetto a quello del secondo dopoguerra. Oggi i giovani che partono sono laureati e altamente specializzati. Pur rappresentando una perdita notevole per il Paese, i giovani emigrati devono essere visti come un’importante risorsa per la proiezione della Sardegna nel mondo: sono intermediari necessari, mediatori culturali e perfino economici in rappresentanza della nostra regione.
Interverranno all’incontro: Romina Mura – Sindaco di Sadali, Valter Piscedda – Sindaco di Elmas,
Fabio Meloni – Presidente Acli Sardegna, Giuseppe Dessi – Crei Acli.
Concluderà i lavori l’Assessore regionale degli Enti Locali Cristiano Erriu.

La partecipazione all’evento è gratuita.

Per maggiori informazioni: acliprovincialicagliari@gmail.com;  tel. 070 43039

Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

facebooktwitter
Previous Programmi europei: quali opportunità per i giovani?
Next Spazi di Ascolto, orientamento e sostegno alla portata di tutti

Ti potrebbe piacere anche...

Notizie dalla regione

“Diversamente Abili o Persone con Disabilità? Abilità, competenze, conoscenze e opportunità”

L’associazione Spazi di Ascolto Acli organizza il seminario “Diversamente Abili o Persone con Disabilità? Abilità, competenze, conoscenze e opportunità” che si terrà martedì 21 aprile 2015 alle ore 16:30, a

Notizie dalla regione

Alla scoperta del patrimonio naturalistico di Molentargius

Alla scoperta del patrimonio naturalistico di Molentargius. C’è un grande patrimonio di biodiversità al Parco di Molentargius, che comprende una spiaggia fossile, filari di olivi, olivastri, specie della macchia mediterranea

Notizie dalla regione

Conclusione dell’anno sociale delle Acli di Oristano

Conclusione dell’anno sociale delle Acli di Oristano Si chiude sotto il segno della donna l’anno sociale delle Acli provinciali di Oristano. Domenica 20 dicembre dalle 15.30, presso la Chiesa di