Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

Ogni anno il Crei Acli, in collaborazione con Acli Sardegna, Acli Cagliari e Iares, diffonde i dati annuali sui flussi migratori della Sardegna. Venerdì 29 gennaio 2016 alle ore 18, in Via Roma 173 II piano, a Cagliari sarà presentata la ricerca “Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna nel 2015”, condotta da Mauro Carta e Marco Sideri.

L’analisi della situazione demografica attuale della Sardegna ha fatto emergere uno scenario assai articolato riassumibile con due dinamiche che sono l’indice della vitalità di una popolazione. Migrazioni e spopolamento sono due fenomeni connessi tra loro che in Sardegna riguardano in modo diverso le province e i comuni dell’isola. Da una parte c’è la popolazione sarda che non cresce (il saldo naturale sardo per il biennio 2014-2015 è pari a -3972 unità) ma invecchia progressivamente o si allontana, e dall’altra c’è la popolazione straniera che aumenta (+ 2.920 unità nel biennio 2014- 2015) ma non riesce a dare la spinta necessaria ad una crescita significativa della popolazione sarda totale e ad una compensazione del numero di coloro che lasciano l’isola: nel biennio 2014-2015 il 73% (275) dei comuni della Sardegna ha un saldo migratorio negativo.
Lo studio sinottico condotto sui decenni precedenti (dal 1951 al 2011) ha messo in evidenza il generale e purtroppo consolidato trend negativo di crescita della popolazione sarda. Si è partiti dal decennio degli anni ’50 dove in alcune zone si è avuto un incremento dal 10% al 30%, per poi entrare negli anni ’60 e vedere che già in quel decennio la situazione demografica stava iniziando a cambiare. Nel biennio 2014-2015 sono 307 i comuni in cui si registra infatti un saldo naturale negativo.
Un fenomeno che da diverso tempo ormai sta interessando la Sardegna è quello delle migrazioni dei giovani sardi in Europa (con la Germania in testa alle destinazioni preferite, ma compaiono ora nuove mete come l’Austria e l’Irlanda) e nel resto del mondo (con l’Argentina come prima destinazione, ma compaiono ora nuove mete come il Sud Africa ed Emirati Arabi). I dati relativi agli emigrati sardi (per lo più giovani e con un alto titolo di studio) fanno emergere uno scenario differente rispetto a quello del secondo dopoguerra. Oggi i giovani che partono sono laureati e altamente specializzati. Pur rappresentando una perdita notevole per il Paese, i giovani emigrati devono essere visti come un’importante risorsa per la proiezione della Sardegna nel mondo: sono intermediari necessari, mediatori culturali e perfino economici in rappresentanza della nostra regione.
Interverranno all’incontro: Romina Mura – Sindaco di Sadali, Valter Piscedda – Sindaco di Elmas,
Fabio Meloni – Presidente Acli Sardegna, Giuseppe Dessi – Crei Acli.
Concluderà i lavori l’Assessore regionale degli Enti Locali Cristiano Erriu.

La partecipazione all’evento è gratuita.

Per maggiori informazioni: acliprovincialicagliari@gmail.com;  tel. 070 43039

Analisi dei flussi migratori e dello spopolamento in Sardegna

facebooktwitter
Previous Programmi europei: quali opportunità per i giovani?
Next Spazi di Ascolto, orientamento e sostegno alla portata di tutti

Ti potrebbe piacere anche...

Notizie dalla regione

Nasce la Rete Caritas-Acli-Patronato Acli

Nasce la Rete Caritas-Acli-Patronato Acli. Giovedì 22 ottobre 2015 alle ore 11 presso la sala stampa del Seminario Arcivescovile (via Mons. Cogoni 9, Cagliari) sarà presentata la Rete Caritas-Acli-Patronato Acli

Notizie dalla regione

Veglia di preghiera per i migranti morti nel Mediterraneo

Le Acli della Sardegna partecipano alla veglia di preghiera e riflessione per i migranti morti nel Mediterraneo che si terrà sabato 25 aprile 2015 alle ore 21 presso il sagrato

Notizie dalla regione

Presentato il Tavolo regionale dell’Alleanza contro la povertà in Italia e il Reis

Si è tenuta questa mattina, presso la sede delle ACLI della Sardegna a Cagliari, la conferenza stampa per la presentazione del tavolo regionale dell’Alleanza contro la povertà in Italia e